letteratura1
letteratura2
letteratura3

christa_wolf1 dicembre 2011
Scomparsa Christa Wolf, considerata una delle più importanti autrici tedesche del dopoguerra

Fra le sue opere più celebri "Il cielo diviso", sulla Berlino divisa dal muro, "Cassandra", "Medea. Voci". Christa Wolf è considerata da molti forse la figura più emblematica della storia della Germania nella seconda metà del '900, della sua divisione e, quindi, della riunificazione con i problemi che ne sono seguiti.


La scrittrice tedesca Christa Wolf è morta a Berlino all'età di 82 anni. La scrittrice della Ddr era considerata una delle più importanti autrici tedesche del dopoguerra. Fra le sue opere più celebri "Il cielo diviso", sulla Berlino divisa dal muro, "Cassandra", "Medea. Voci". Il suo ultimo romanzo "La città degli angeli" è apparso nell'estate 2010. 

Christa Wolf è considerata da molti forse la figura più emblematica della storia della Germania nella seconda metà del '900, della sua divisione e, quindi, della riunificazione con i problemi che ne sono seguiti. Nata a Landsberg an der Warthe il 18 marzo 1929, studia germanistica a Jena e Lipsia e nel 1949 entra a far parte del Partito di Unità Socialista di Germania. Nel 1951 sposa lo scrittore Gerhard Wolf. Il suo primo romanzo, "Il cielo diviso", è del 1963 e le dà immediata notorietà: è la storia di un amore al di qua e al di là del muro. Nel 1963 le viene assegnato il premio Heinrich Mann e nel 1964 il libro diviene un film del regista Konrad Wolf. Tra i suoi romanzi più fortunati, "Riflessioni su Christa T" (1968), che, attraverso la biografia di un'amica scomparsa, scava nelle difficoltà dell'individuo a inserirsi nel socialismo reale di quegli anni. Seguono due rivisitazioni di miti classici, "Cassandra" del 1983 e "Medea. Voci" del 1996.

Wolf, più volte critica nei confronti del governo della Germania comunista, non ha però mai posto in discussione l'ideologia socialista. Famoso il suo accorato appello in tv ai concittadini della Ddr a non lasciare il Paese, il giorno prima dell'apertura del confine tra le due Germanie e della caduta del muro. Nel 1993 ha fatto scalpore la notizia di una sua collaborazione con la Stasi, la polizia segreta della Ddr, dal 1959 al 1962. Fatto davanti al quale non si è tirata indietro, pubblicando nel 1995 un libro-diario dal titolo emblematico "Congedo dai fantasmi". Segue poi "Con uno sguardo diverso", uscito pochi giorni dopo l'11 settembre 2001. Nel 2002 pubblica "Un giorno all'anno. 1960-2000", altro diario. L'ultimo libro "Con uno sguardo diverso" (2005 in Germania, 2008 in Italia), raccoglie otto racconti e tra questi quello dedicato al fallimento del suo matrimonio.

christa_wolf  
christa_wolf  

Sacro Urbano

Progetto itinerante
di Mario Alvarez

Online gallery

Rassegna stampa

La rassegna stampa di AmarilloArt

Il Libro della Terra

L’Albero del Libro

arbol del libro

AmarilloArt

AmarilloArt è un’associazione, un laboratorio culturale, che promuove l’arte e la creatività in tutte le sue forme.
Oltre alle attività e alle iniziative artistiche organizzate da AmarilloArt Gallery, si occupa della diffusione e dell’approfondimento di notizie culturali con AmarilloArt Magazine, della promozione di iniziative legate al libro e alla letteratura con AmarilloArt Letteratura e di tante altre attività, che troverete in parte documentate in questo sito.  [Condizioni d’uso e Privacy]  [Cookie Policy]


 

Contatti

 
Scrivici a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
+39 05221601249

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.