amarilloart gallery1
amarilloart gallery2
amarilloart gallery3
amarilloart gallery4

luca_prandini_vittorio_piniReggio Emilia, 27 maggio - 4 giugno 2011
Luca Prandini - Vittorio Pini. Doppia personale: due scultori a confronto
Marmo e ferro, bianco e nero. Quasi due opposti, come opposti, o comunque molto diversi per formazione, ricerca e modalità espressiva, sono gli artisti presentati da Amarillo Art Galllery: due scultori del territorio reggiano, interpreti della nostra contemporaneità, Luca Prandini e Vittorio Pini.
Sono online le foto del vernissage di venerdì 27 maggio. Presto online anche la rassegna stampa della mostra.


prandini_pini_amarilloart


prandini_pini_amarilloart


prandini_pini_amarilloart


prandini_pini_amarilloart


prandini_pini_amarilloart


prandini_pini_amarilloart


prandini_pini_amarilloart


prandini_pini_amarilloart


prandini_pini_amarilloart


prandini_pini_amarilloart


prandini_pini_amarilloart


mario alvarez_bandiera


mario alvarez_bandiera


luca prandini vittorio pini

Luca Prandini

«Cucchiai d’acqua immobile, albumi rappresi di marmo, quasi gelidi flan, dolci al cucchiaio perfettamente levigati, questi lavori sono sorprendenti per ideazione e realizzazione. Con Luca Prandini, la scultura sembra essere ritornata ad una perfetta mimesi della natura. Le sue opere restituiscono tutta la fluida bellezza del secondo stadio della materia. A lui e a pochi altri riesce l’ardua missione di riprodurre in marmo la sostanza delle sue declinazioni più leggere e impalpabili. (…)
 La scultura di Luca Prandini ha un che di sollevante. Il freddo del marmo si umanizza e diventa il fresco dell’acqua, diviene un fotogramma, la liquefazione della pietra, quello che costa una fatica infinita levigare. (…) Luca ha pazienza, quanto basta, e giovane età. Non è ansioso di mostrare, ma di fare, di creare gocce di mondo, mondi di gocce». Dal testo critico di Mauro Carrera

Vittorio Pini
Il ferro, ma anche l’acciaio, il rame, l’ottone e, in alcuni casi, l’argento e l’oro, sono i materiali che Vittorio Pini predilige e manipola, accostando i metalli forgiati a parti meccaniche e a elementi di recupero: radiatori, frizioni, vecchie porte, reti metalliche...
Il tutto arricchito da resine ed applicazioni luminose di vari colori che animano le opere, regalando loro nuova vita e suggestive trasparenze e vibrazioni.
La materia viene forgiata, scomposta, attorcigliata e ricreata per dare vita a creature nuove, a metà strada fra abitanti di un futuro possibile ed armature o scheletri postmoderni.
Figure umane, meduse, polipi, esseri fantastici, che paiono sfuggiti da qualche metropoli futuribile, popolano le creazioni di Pini e il metallo sembra farsi flessibile per accompagnare le sinuose forme di questi soggetti.

A cura di Chiara Salsi e Mario Alvarez

luca prandini vittorio pini


Info

Luca Prandini - Vittorio Pini. Doppia personale: due scultori a confronto
Dal 27 maggio al 4 giugno - Inaugurazione: venerdì 27 maggio, ore 18.00
Amarillo Art Gallery - "Il Castello” via Sani 9/A - Vedi la mappa
Orari di apertura: da lunedì a venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15,30 alle 19 - sabato dalle 16 alle 19,30
Info: tel. 0522.082620 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.amarilloart.es

AmarilloArt

AmarilloArt è un’associazione, un laboratorio culturale, che promuove l’arte e la creatività in tutte le sue forme.
Oltre alle attività e alle iniziative artistiche organizzate da AmarilloArt Gallery, si occupa della diffusione e dell’approfondimento di notizie culturali con AmarilloArt Magazine, della promozione di iniziative legate al libro e alla letteratura con AmarilloArt Letteratura e di tante altre attività, che troverete in parte documentate in questo sito.  [Condizioni d’uso e Privacy]  [Cookie Policy]

 

 

Contatti

 
Scrivici a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
+39 05221601249

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.